Biografia


Corrado Bonomi


Corrado Bonomi (Novara, 1956), ha alle spalle una lunga carriera di personali e collettive in Italia e nei principali spazi pubblici, istituzionali e privati europei.


L'artista

È del 1995 la sua partecipazione al gruppo Concettualismo Ironico Italiano formatosi intorno alla Galleria Angelo Falzone di Mannheim con gli artisti Giovanni Albertini, Alessandra Galbiati, Francesco Garbelli, Dario Ghibaudo, Antonella Mazzoni, Antonio Riello. Dello stesso anno la fondamentale mostra "Quasi per gioco" presso la Neue Galerie di Graz con, tra gli altri, Vincenzo Agnetti, Stefano Arienti, Alighiero Boetti, Maurizio Cattelan, Aldo Mondino, Michelangelo Pistoletto e Pino Pascali.

Dal 1997 collabora attivamente con il Museo A come Ambiente di Torino con il quale pubblica un manuale-catalogo Animali e Fiori nascono da... un percorso didattico-creativo per riutilizzo alternativo dei materiali di scarto, nonché con il Dipartimento Educazione del Museo d'Arte Contemporanea del Castello di Rivoli.

Dal 2003 in avanti espone all’interno della collezione della Fondazione VAF presso il Palazzo delle Esposizioni della Mathildenhòle di Darmstadt, completa la sua antologica personale Casa Bonomi a Milano, ed espone a varie riprese presso il Museo Ritter a Waldenbuch, presso il Neuer Kunstverein ad Aschaffenburg, presso la Fondazione Pomodoro di Milano per l'esposizione sulle tendenze plastiche del XXI secolo, presso il MART di Rovereto per la collezione VAF, presso il museo ZKM di Karlsruhe in occasione della mostra collettiva Hirsch Faktor.

Nel 2012 Gillo Dorfles sceglie alcuni dei lavori di Bonomi per la mostra Oggi il kitsch alla Triennale di Milano. Negli anni successivi espone ancora al Mannheimer Kunstverein per la mostra collettiva Global warming e per la bipersonale con Gianni Cella Warum erwachen?, nonchè alla galleria Civica di Trento per la mostra Nature. Arte ed ecologia.